lunedì 4 aprile 2016

Da Vola Ciampino alla Maratona di Roma.




Buon lunedì amici runner e non , siamo finalmente entrati nella settimana della Maratona di Roma.
Ieri alla Vola Ciampino non si parlava d'altro, di lunghissimi fatti e di rinunce dell'ultima ora. Di sogni e speranze, carte coperte e scaramanzie varie.

Lunedì prossimo racconteremo altre storie, avremo un fiume di emozioni da raccontare speriamo tutte positive. Nel frattempo raccontiamo di una gara che resta sempre partecipatissima nonostante il pacco gara consista in 3 paia di calze 3 che ogni anno regalo al mio amico Mario Iannotti e di un percorso che non ha niente di particolarmente suggestivo.

Ho corso per far girare le gambe, visto che in settimana ho corso anche un ventino di km, mercoledì, e le gambe sono ancora impastate ma in questa settimana riprenderanno un po' di forza. Correvo a 4'45 e mi sembrava di andare a 3'45 per quanto le gambe erano immobili però ho avuto la soddisfazione di fare gli ultimi due km in salita in progressione risalendo il gruppo.

Ogni anno mi impianto su quella salita e questa volta mi sono trattenuto anche per fare quella salita senza patemi, anzi andando a prendermi quel traguardo come se fosse quello di domenica prossima.

Questa Maratona alle porte mi ha fatto conoscere meglio il mondo delle calze, ormai di cotone ce n'è poco e sono quasi tutte di viscosa e petrolio vario. Quindi restano sempre integre e scivolano sulla scarpa e ti sfregano la pelle, allora ho comprato delle classiche calze di cotone e spalmerò i piedi di vaselina.

Nei prossimi giorni cercherò di fare assieme a voi un giro del percorso raccontando i punti più aspri e insidiosi del tracciato, così chi la fa per la prima volta può farsi una mezza idea, l'altra mezza già la sa, un Calvario eheh.

2 commenti:

Francesco ha detto...

dai sembra che stai andando alla guerra !

Giampiero Cacciato ha detto...

A guera è guera eheh