venerdì 7 settembre 2007

Diario allenamenti 32

A volte le giornate sono senza particolari impegni ed il tempo per andare a correre sembra non passare mai, si aspetta l'orario continuando a girare per casa in divisa, pronti a uscire ma fin troppo in anticipo. Invece, le più volte, gli orari sono strettissimi, gli impegni si accavallano e ti rendi conto che il tempo stringe ed addirittura rischi di non poter correre. Ieri si sommavano un sacco di impegni a casa con la pioggia che nel pomeriggio era scesa sui Castelli, la sensazione era di non poter riuscire a correre. Sto alla finestra, mia moglie non rientra, il cielo è scuro e la pioggia scende, scoramento? No..quando si vuol correre fino all'ultimo può succedere quello che vuoi. Infatti vedo uno squarcio aprirsi tra le nuvole sopra Roma..ci siamo..tra poco si apre il cielo e smette di piovere, tornerà Betta e potrò andare. Detto..fatto! Torna il sereno..torna Betta..gli lascio sulla porta di casa Riccardo e scappo giù a Tor Vergata, mi devo sbrigare, dopo devo arrivare a Montecompatri a recuperare Didi e Fede. Corro 50' nell'aria fresca del dopo pioggia, corro piano,come sempre.., pensando alla staffetta di Sabato e mi gusto la gioia di essere riuscito a correre. Risalgo in macchina quasi al buio, risalgo verso Montecompatri e incontro sulla passeggiata Jackie che corre..grande Running siamo ovunque..con la stessa voglia!!!!

1 commento:

Andrea ha detto...

Ciao Giampy. Sono d'accordo con te. Io sono costretto a casa da una settimana e non sai che voglia che ho di correre, invece l'unica corsa fatta era quella in bagno :)
Sabato non potrò partecipare però sarò li a fare il tifo, prima di tutto ad Ivana, ma anche per tutti i runners che parteciperanno. Un'occhio di riguardo per gli amici ovviamente.