lunedì 23 gennaio 2012

Corsa di Miguel.


Oltre 4000 arrivati in questa ormai Classica del podismo romano, numeri da capogiro per una gara che ormai merita una location più prestigiosa ed ampia come potrebbe essere il Foro Italico e tutte le sue strutture. Una partecipazione così numerosa grazie al lavoro che Valerio Piccioni , Marco Bonarrigo e tutti gli altri mettono durante l'anno per dare pubblicità a questo evento nato per non dimenticare la stagione argentina dei desaparecidos .
Dopo una notte di lavoro si può solo che correre senza obiettivi cronometrici, va bene già essere lì in mezzo al gruppo e respirare l'aria della corsa.
Mi presento al mio cancello in solitudine, oggi corro da solo, non voglio avere pensieri di tempi e altro, solo con me stesso in mezzo ad un mare di colori. Parto deciso a 4'50 e lo tengo per tutta la gara, faccio riferimento ai cartelli ma sento che i garmin suonano tutti prima, la gara infatti risulterà di 10 km e 100 metri. Ho corso poco in settimana e ho ancora le gambe pesanti dei 23 km del lidense, però scopro mano a mano che passano i km che la forza nelle gambe c'è e nonostante la notte in piedi corro sempre in spinta. Chiudo quindi in 47.50 e quindi , se si tiene conto dei cento metri in più, alla media di 4'45 quindi già dieci secondi di media di meno della gara della befana.
Ora si pensa alla Tre Comuni di domenica prossima, sarà un lungo di 22 km preceduti da almeno altri 5-6 nel pregara, la farò a 6' assieme a Liliana che farà la pacer di quel ritmo. Milano ci aspetta.


Ed ecco finalmente la copertina del nostro nuovo Magazine, una nuova iniziativa che vede coinvolti una decina orange, un modo come altri per raccontare di noi. In questo numero abbiamo messo articoli che parlano delle nostre ultime gare, il nostro tremila di Santo Stefano e poi il pranzo sociale. C'è una mia intervista a Orlando Pizzolato che presto metterò qui sul mio blog e poi vari spigolature su argomenti vari.



Ovviamente la distribuzione è sempre a carico di chi l'ha scritta e così eccomi ai cancelli del Paolo Rosi ieri mattina a distribuire le copie assieme a Gabriele. Ne abbiamo date via oltre 1000 ed è stato divertente vedere i podisti che levavano le mani fredde dalle tasche per ritirare una copia. Soddisfazione poi nel vedere che a fine gara non c'era una copia in terra. Ora vediamo se alla gente piace, se l'idea è può essere utile a far conoscere meglio il mondo della corsa ai nuovi arrivati ma anche a chi corre da sempre ma a volte sembra che non abbia imparato molto.

4 commenti:

kaiale ha detto...

niente blogpoint ieri?

GIAN CARLO ha detto...

Sei un tutto fare... pure io pace alla 3 comuni ci becchiamo li.

Marco Bucci ha detto...

Aleeee'....!!
Inarrestabile ?!?!?!?

Pimpe ha detto...

bravo Giampy e complimenti per l'iniziativa editoriale ;-) ciao